ultime notizie

Arte, cultura e sport al SOCIAL ...

Inclusione e cultura insieme per combattere il disagio sociale. Dal 13 al 16 giugno prende il via la prima edizione di un Festival speciale, il Social Tour Guidonia Montecelio. Non ...

Paolo Pietrangeli

Antologia

Giunge a compimento con la terza istallazione il lodevole lavoro antologico di Ala Bianca dedicato alla musica cantautoriale di protesta. In un appropriato ordine d’importanza, dopo gli excursus su Giovanni Marini e Ivan Della Mea veniamo introdotti al mondo del terzo ideale moschettiere della canzone ribelle, Paolo Pietrangeli. Artista atipico e poliedrico, regista, sceneggiatore e autore televisivo prima che musicista, rimane del trittico la figura più contraddittoria e sfuggente: un ibrido culturale che «per un colpo di fortuna» si troverà coinvolto nella rivolta studentesca fino a produrne i due più grandi inni (l’intramontabile Contessa e Valle Giulia, l’epico diario delle rivolte di piazza del primo marzo ’68 a Roma), fino a diventare “per caso” uno dei principali autori di Mediaset con la storica collaborazione ai programmi televisivi di Maurizio Costanzo. La curiosa ambivalenza del personaggio si dispiega in tutte le sfumature dell’abbondante raccolta, la quale così dimostra che l’immagine di cantautore politico è solo una delle personalità di Pietrangeli, e neanche quella dominante. Difatti il cospicuo numero di tracce mette in rilievo come il fil rouge sia più da ricercare nel bisogno di affrontare e fermare gli avvenimenti storici, i motivi sociali e la propria personale quotidianità con una costante vena ironica, dissacrante, e molto più gioviale di quella supposta dagli aggressivi slogan sessantottini che lo hanno reso celebre. È Pietrangeli stesso ad ammettere nelle note di copertina di esser sempre stato guidato in ogni suo lavoro da «la voglia, anzi l’urgenza di raccontare», la stessa che mostra con disinvoltura dietro la telecamera di regista di documentari, la stessa che mette in note sulla chitarra, innamorato del ruolo di cantastorie. Tuttavia è innegabile la notevole differenza di spessore tra i vari campi d’azione, tra ciò che con evidenza viene considerato professione e ciò che si riduce ad un ispirato hobby: «da sempre ho fatto l’aiuto regista prima e poi il regista dal lunedì al venerdì e il cantastorie i fine settimana». Ed è questo che emerge da un’antologia così soffermata – quasi cinquanta tracce, compresi cinque inediti (di cui spicca l’incantevole Fiore di Gaza) – che se può a diritto ergersi a raccolta definitiva del nostro, ne mette impietosamente in mostra anche tutti i limiti stilistico-compositivi. Dalla canzone d’osteria (Lo stracchino, Franti, garrone, pinocchio e la fatina), agli stornelli di richiamo popolare (Il paese, Il 23 novembre 1980), dai classici della protesta (da Il vestito di Rossini alla mitica Mio caro padrone domani ti sparo) fino ai talking goliardico-demenziali (L’ultimo caffè e Cazzi tuoi su tutti) ne esce fuori un intellettuale sincero, umanissimo e pieno di difetti, ma che mai ci lascerà indifferenti, affascinante come la storia letta non dai libri, ma dai block notes di chi c’era, di chi c’è sempre stato.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Ala Bianca
  • Anno: 2009
  • Durata: 149:54
  • Etichetta: Ala Bianca

Elenco delle tracce

CD 1:
01. La città volatile
02. La notte in cui mi tolsi l'armatura
03. Contessa
04. Io ti voglio bene
05. Lo stracchino
06. Paure. Magari no (la Commessa)
07. Festa de L'Unità
08. Karlmarkstrasse
09. La leva
10. L'alpino
11. Ho insultato il movimento
12. Il cameriere
13. *La questione meridionale
14. Isole lontane
15. Circonferenza
16. Come
17. Il vestito di Rossini
18. I cavalli di Troia
19. Il riflusso
20. Mio caro padrone domani ti sparo
21. Ahi che fatica mi costa (Garzia)
22. Sanza
23. Franco
24. Addio padre madre addio

CD 2:
01. Dibattito sulle sorti della sinistra e mozioni contrapposte in una notte desolata di Chianciano Terme (Sliding door)
02. Valle Giulia
03. Alle cinque prendo il tè
04. Sirene
05. Uguaglianza
06. La star
07. Franti, Garrone, Pinocchio e la fatina
08. Il sabato
09. La Roma
10. Cinema 2
11. Cazzi tuoi
12. Pietralata '96
13. Deadline
14. Il lavoratore della Rai
15. Sul tram (tutto capitò sul tram)
16. Il regista
17. L'ultimo caffè
18. Il paese
19. Era sui quarant'anni
20. Lo sbaglio
21. Quelli che tricoloreggiano
22. Il 23 Novembre 1980
23. Risoluzione dei comunardi dato che
24. Fiore di Gaza

Brani migliori

  1. Fiore di Gaza
  2. Villa Giulia
  3. Io ti voglio bene