ultime notizie

Arte, cultura e sport al SOCIAL ...

Inclusione e cultura insieme per combattere il disagio sociale. Dal 13 al 16 giugno prende il via la prima edizione di un Festival speciale, il Social Tour Guidonia Montecelio. Non ...

Paolo Tocco

Il mio modo di ballare

Uomo di musica a 360° Paolo Tocco: produttore, musicista, radioproducer, ingegnere elettronico e del suono, redattore e blogger musicale e soprattutto “mago”, o meglio studioso di magia, quella che è riuscito a riprodurre in questo suo secondo lavoro, a cinque anni dal suo primo Anime sotto il cappello.

Il mio modo di ballare somiglia molto ad una lunga chiacchierata in cui hai davanti persone che hanno qualcosa da dire, hanno una loro opinione e soprattutto non si nascondono dietro i conformismi dei nostri giorni. È proprio così, ad un ascolto approfondito e continuo dà proprio l’idea di concept-album sul convenzionalismo e lo stesso Tocco ne sottolinea tale lettura: “Ognuno in questa vita ha il suo modo di stare al mondo...il suo modo di ballare. L'ipocrisia che subiamo o che viviamo coscientemente, l'ipocrisia che ritroviamo in un sentimento nobile come l'amore o nell'accettazione forzata di una malattia...ma anche l'ipocrisia che non credevamo ci potesse appartenere”.

Non si può certo dire che chi ha masticato musica italiana per anni non abbia assorbito le vitamine e le proteine musicali che lo hanno cresciuto, e così ecco che sembra di percepire qua e là il suo, sicuramente, esempio maggiore, e cioè quel Francesco de Gregori, soprattutto in Aveva vent’anni, al quale già nel primo disco aveva fatto l’inchino in Lo Sposo e la sua spiga di grano. E poi, se ci si sofferma sulle musiche (decisamente di alto spessore compositivo ed esecutivo), ecco che compaiono quelle che echeggiano magari di PFM, come nella chiusura di 11 settembre.
Altra chicca è Luna nera, dove tonalità alla Mario Venuti fanno sentire tutto lo stile di Paolo che, malgrado le somiglianze, è uguale solo a se stesso e, a proposito di ipocrisie questo pezzo ne rafforza il concetto: “…il brano è la doppia faccia della vita quotidiana, la doppia faccia delle persone e delle loro morali, la doppia faccia delle apparenze. Luna Nera è la storia di un tradimento che diventa complicità, un menage a trois quando sembrava fosse l'amore – quello sano, quello etico, quello fedele – l'unica vera strada da percorrere...così si diceva in giro, tra la gente”.


Ogni sua ballata, perché molte a questo rimandano, ogni suo swing,  come Pezzi di bugie, ed ogni suo soft-rock (morbide le presenze delle due voci femminili del disco in D’oro e di pane e in Occhi di cenere), talvolta elettronico, sono tasselli dipinti da un’abile maestria e tecnica musicale a cui hanno contribuito gli innumerevoli musicisti che hanno suonato nel disco. In definitiva quel che ci è piaciuto, soprattutto, è la continua ricerca pregiata di sonorità conosciute, ma abilmente vestite di personalità artistica che, anche se fanno l’occhiolino al folk rock on the road americano di Jackson Brown e alle citate radici della nostra canzone d’autore italiana (c’è pure profumo di Fossati in Di questo tempo che passa), fanno apparire Paolo Tocco semplicemente  ugualmente diverso.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Domenico Pulsinelli
  • Anno: 2015
  • Durata: 39:17
  • Etichetta: Protosound

Elenco delle tracce

01.  D'oro e di pane
02.  Da questo tempo che passa
03.  Come le formiche
04.  Aveva vent'anni
05.  Il magico mondo di un vecchio che sapeva ballare
06.  Nene`
07.  Chiodi di pioggia, fiocchi di neve
08.  Luna nera
09.  11 Settembre
10.  Occhi di cenere
11.  Pezzi di bugie

Brani migliori

  1. Aveva vent’anni
  2. Il magico mondo di un vecchio che sapeva ballare
  3. Luna nera

Musicisti

Claudio Esposito - chitarre acustiche ed elettriche  -  Domenico Pulsinelli - sint e programmazioni  -  Giulio Berghella - basso  -  Giuliano De Leonardis (Equipe 84) - basso freatless  -  Carlo Porfilio - batteria   -  Walter Caratelli - batteria swing e percussioni  -  Angelo Tracanna - contrabbasso   -  Gabriel Rosati - fiati   -  Vincenzo Murè - pianoforte,   -  Helen Tzefaghi - voce  -  Elena Dragani - voce  -  Simone Agostini - chitarra fingerstyle e bouzouki greco  -  Daniele Di Diego - chitarra classica 7 corde  -  Marco Di Blasio - fisarmonica   -  Francesco Pulsinelli - chitarra semi-acustica