ultime notizie

09 aprile: a Castel Mella (BS ...

    Martedì 9 Aprile 2024 ore 21 – Castel Mella (Bs)      -      Auditorium Giorgio Gaber - via Onzato, 56                                                        POVIA LIVE - "MI HAI SALVATO LA VITA TOUR di Ricky Barone Il percorso artistico di ...

Enzo Decaro

Poeta Massimo – Le canzoni di Massimo Troisi e Enzo Decaro

Un omaggio tenero ma non elegiaco quello che Enzo Decaro offre al compagno di viaggio Massimo Troisi portandone alla luce un aspetto meno noto al pubblico: la sua passione per i versi e per lo scrivere canzoni. A distanza di trent’anni, Decaro recupera testi e melodie abbozzate da lui stesso insieme a Troisi, dà loro una forma più compiuta e li incide, con l’aiuto di alcuni tra i musicisti più quotati in Italia.
In questi versi riemersi dal passato ritroviamo un mondo poetico che ci ricorda quel postino di Neruda che trasfigurava la propria realtà quotidiana, scoprendo la profondità dei piccoli gesti e delle piccole cose.
Da subito ci colpisce un riferimento al “cuore”, che evidentemente non è solo metafora dei sentimenti, ma causa di sofferenza (e della scomparsa di Troisi): «Al mio cuore malandato / Almeno a lui ho messo le ali […] / Soffoco d’affetto / e vivo di nascosto» (Al mio cuore). E che il cuore di cui si parla non sia solo una metafora ce lo dimostra la cartolina inserita nella confezione del cd, che invita a fare donazioni alla A.I.C.I. onlus (Bambini Cardiopatici nel mondo).
Si tratta di composizioni che alternano italiano e dialetto napoletano, di ispirazione varia. Da citare una tenera dedica a sua madre (Rimpianto), l’immancabile vena surreale (Pensiero vestito), e in generale uno sguardo sul mondo e sulla società italiana con tinte delicate ma non per questo meno perentorie: Il principe, Quanta brava gente, la tagliente Gesù Crist (che lamenta come il messaggio di Gesù sia stato tradito dalla Chiesa e dagli uomini in generale) o la disincantata Pulicinè, che invita Napoli a riscuotersi dall’assopimento in cui è caduta: «Che t’hanno dato pe te fa durmì? ‘o mandulino e poi Maria Marì».
C’è anche il posto per riflessioni metapoetiche: «La presunzione di avere tante cose da dire… / L’ambizione di avere una storia da raccontare…» e per l’ironia (La frontiera dalla vita).

Massimo Troisi non era un poeta, e una certa retorica che qua e là fa capolino tra i versi ce lo ricorda; Enzo Decaro non è un musicista e neppure un cantante, come dimostra il suo canto intonato ma non indimenticabile. Eppure il risultato è un amalgama riuscito che tocca le corde del sentimento e della commozione, e che aggiunge un tassello poco noto alla composizione di una personalità, quella di Massimo Troisi, che ci appare composita e stratificata, come quella dei grandi artisti.
Chiude il disco Stanotte, traduzione in napoletano di una classica “parabola moderna” sull’affidamento a Dio, resa più suggestiva dalla voce dello stesso Troisi in sottofondo. Perfetto finale che suggerisce come il talento e l’anima del grande attore riposino da qualche parte nel cielo, ma non sono scomparsi.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Enzo Decaro
  • Anno: 2008
  • Durata: 47:16
  • Etichetta: Ala Bianca/Signore e Signori

Elenco delle tracce

01. Grazie
02. Al mio cuore
03. Pullicene'
04. Quanta brava gente
05. La frontiera della vita
06. Pensiero vestito
07. Rimpianto (a mia madre)
08. Angiulillo
09. Il Principe
10. Gesù Crìst
11. Senza umiltà
12. Stanotte

Brani migliori

  1. Grazie
  2. Al mio cuore

Musicisti

Enzo Decaro: Voce e tastiere
Ezio Bosso
: Contrabbasso  
Corrado Calignano
: Basso
Lino Cannavacciuolo
: Violino  
Riccardo Cimino
: Chitarre e Tastiere
Cecilia Chailly
: Arpa
Marcello Colasurdo
: Voce e Tammorra
Paolo Fresu
: Tromba
Ivano Leva
: Piano
Rita Marcotulli
: Pianoforte
Moustapha Mbengue e i Tamburi di Gorèe
: Voce e percussioni
Diego Moreno
: Chitarre
Gianni Oddi
: Sax
Biagio Pisani
: Batteria
Gianluca Salerno
: Percussioni
Javier Salnisky
: Bandoneon
Raul "Cuervo" Scebba
: Percussioni
James Senese
: Sax Tenore
Daniele Sepe
: Thin Whistle
Alexandra Stefanato
: Violino
Fabio Treves
: Armonica
Solis String Quartet
: Archi e Chitarra acustica