ultime notizie

Nuovo album per Nada

  di Alberto Calandriello Ottime notizie dalla Toscana. Esce infatti il 7 ottobre il nuovo album di Nada, intitolato La paura va via da sé se i pensieri brillano, edito da ...

Emidio Clementi

Matilde e i suoi tre padri

Quarta pubblicazione – e prima edita da Rizzoli – per la voce dei Massimo Volume Emidio Clementi dopo l’esordio di “Gara di resistenza” e le buone prove de “La notte del Pratello” e “L’ultimo dio” (questi ultimi due per Fazi). Matilde e i suoi tre padri racconta la storia della piccola Matilde, figlia di Laura e Arturo, coppia che nel pieno fermento della Bologna degli anni settanta decide di cambiare vita ed andare a vivere negli Stati Uniti, là dove la piccola protagonista verrà concepita. Ma la famiglia, si sa, è una delle ultime strutture messe in crisi dalla nostra società sempre più liquida e, complice l’eroina, la storia d’amore tra Laura e Arturo termina. Matilde, che intanto insieme alla madre torna in Italia e diventa grande, si ritrova così in case sempre nuove, con padri sempre diversi (i tre del titolo appunto) e una crescente consapevolezza grazie alla quale capisce che «la gente che mi ama non è il grado di proteggermi», reazione inevitabile nella sua ricerca di un equilibrio sempre e comunque precario.
Clementi mette in scena una saga famigliare – oltre a Matilde e ai tre padri, è la madre Laura ad essere spesso al centro della narrazione – o meglio una saga neofamigliare, dove le situazioni cambiano più velocemente della capacità degli adulti di adattarsi, mentre i bambini, complice un incanto che viste le circostanze fa prestissimo a trasformarsi in (poetico) disincanto, diventeranno grandi con un obiettivo preciso: quello di una vita normale, al di là di tanti sogni e Movimenti per raggiungere chissà quale felicità. E’ un libro che si lascia leggere con piacere “Matilde e i suoi tre padri”, evita qualsiasi contorsionismo linguistico a favore di uno stile piano, talora emozionale talora distaccato, ma al contempo non si prefigge di andare troppo a fondo nelle dinamiche che hanno generato e generano tutt’oggi uno dei fenomeni sociali più importanti degli ultimi quarant’anni. Ed è forse questo il suo unico vero difetto: quello di non osare troppo stando invece parecchio accorto, atteggiamento comprensibile nell’ottica dell’autore, che dopo tre libri fortemente caratterizzati dalle proprie vicende personali si affaccia oggi ad una scrittura che – almeno nella trama – usa tutti gli strumenti della finzione.

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Artista: Emidio Clementi
  • Editore: Rizzoli 24/7
  • Pagine: 191
  • Anno: 2009

Altri articoli di Luca Barachetti