ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

‘AVVENNE a NAPOLI passione per voce e piano’, l’omaggio di Eduardo De Crescenzo alla sua città.

È già disponibile in libreria e negli store digitali il cofanetto cd + libro “AVVENNE A NAPOLI passione per voce e piano”, un progetto che EDUARDO DE CRESCENZO dedica alle sue radici musicali e alla sua città, presentato al Teatro Filodrammatici di Milano.

Il cofanetto racchiude un CD, pubblicato e distribuito dall’etichetta discografica Betty Wrong Edizioni Musicali di Elisabetta Sgarbi, e un LIBRO, pubblicato e distribuito da La nave di Teseo. 

Questo speciale progetto rappresenta l’omaggio che Eduardo De Crescenzo ha voluto rivolgere alle sue radici culturali, ma è anche un lavoro di restauro colto e appassionato, con  “un repertorio che gli appartiene per DNA”, come dice Federico Vacalebre nell’allegato libro ‘Storie del Canzoniere napoletano dove  racconta le vicende che queste canzoni hanno attraversato. Gli umori musicali, culturali, ma anche storici, politici e sociali che determinarono la gloria e la caduta di un fenomeno artistico, la Canzone classica napoletana, che ancora identifica, insieme con l’Opera, la musica italiana nel mondo. 

“È il mio omaggio ai Maestri che mi hanno insegnato dei sentimenti: perché le emozioni hanno un suono preciso, hanno parole precise ma per riconoscerle bisogna impararle” confessa Eduardo De Crescenzo, che aggiunge “…a loro si deve la forma canzone così come viene praticata ancora oggi, a loro si deve la nascita dell’interprete che evolve il BelCanto operistico: per cantare i versi alti di poeti così importanti non è sufficiente avere una bella voce, è necessario che il cantante entri nei versi del poeta e li faccia suoi. Questi artisti, per la prima volta, riuscirono a parlare al colto e all’inclita e fecero di Napoli la città dei musicisti e dei poeti, la meta più ambita da tutti gli artisti e gli intellettuali del tempo”.

Entrano un po’ meglio nello specifico dell’album, De Crescenzo racconta “Ho concepito questo lavoro per voce e piano perché queste canzoni nascevano così e così venivano eseguite nei salotti del tempo. E Julian ha cercato di entrare nel suono e nelle atmosfere di quei salotti anche sacrificando la sua anima jazzistica. La fisarmonica entrerà più avanti”.

Ma è un Eduardo anche amareggiato quando si lamenta che a Napoli, tra i molti musei, non ce ne sia uno dedicato alla grande Canzone Napoletana, e quando critica le “manipolazioni ignoranti” che hanno “tradito e frainteso grandi artisti”.

Nel CD la straordinaria voce di Eduardo De Crescenzo e il pianoforte di Julian Oliver Mazzariello interpretano venti grandi classici napoletani ripercorrendo il  Canzoniere dai suoi esordi, intorno al 1800, fino al 1950. Ed eccoli i titoli:  Fenesta vascia, Luna nova, Era de maggio, Marechiare, ’A vucchella, Serenata napulitana, I’ te vurria vasa’, Maria Mari’, Santa Lucia luntana, Silenzio cantatore, Uocchie ch’arraggiunate, ’O marenariello, Te voglio bene assaje, Scétate, Canzona appassiunata, Passione, Voce ‘e notte, Che t’aggia di’, Munasterio ‘e Santa Chiara, Luna rossa.

L’album è stato anticipato dall’uscita in digitale del brano Marechiare, il cui splendido ed originale video vanta la regia, i disegni e animazione di Michele Bernardi e la direzione artistica di Elisabetta Sgarbi (www.youtube.com/watch?v=fM__Xfc0fNg) che così commenta questa esperienza: “Sono orgogliosa di accompagnare come editore (nella duplice veste di editore di libri e di editore musicale) Eduardo De Crescenzo in un’opera che è già un classico contemporaneo. Eduardo, insieme con Julian Oliver Mazzariello e Federico Vacalebre, ha raccolto un patrimonio disperso di suoni, parole e storie dimenticate, e gli ha dato nuova vita, come è proprio dei grandi artisti”. Ricordiamo anche che Elisabetta Sgarbi, nelle sue molteplici attività culturali, è Fondatrice e Direttrice Generale ed Editoriale de La nave di Teseo, oltre ad essere Fondatrice e Direttrice Artistica dell’etichetta discografica Betty Wrong Edizioni Musicali, oltre ad essere l’anima pulsante de La Milanesiana di cui sta partendo la 23ª edizione.

AVVENNE a NAPOLI passione per voce e piano sarà presentato il 6 giugno al Teatro Mercadante di Napoli (concerto già sold out), il 14 giugno al Teatro Fusco di Taranto, il 3 luglio al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno nell’ambito della rassegna La Milanesiana, il 7 luglio a Cervia nell'ambito di Ravenna Festival, il 23 luglio a Real sito di Carditello (Caserta) e il 28 luglio al Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei (Napoli).

Ci uniamo al pensiero di De Crescenzo e speriamo vivamente che questo progetto smuova finalmente le acque per la creazione a Napoli di un museo della grande Canzone Napoletana, un patrimonio non solo italiano, ma di tutto il mondo.

articolo e foto di Giuseppe Verrini

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento