ultime notizie

Chrysalis è il nuovo singolo dei ...

di Giampiero Cappellaro Tornano i biVio, formazione nata a Parigi nel 2018 dall’incontro della cantante Natalia Bacalov, figlia del noto compositore Luis Bacalov (e madre di origine italiana), e ...

Marcello Giannini

Teresa

A 39 anni non so in quanti possono vantare un cospicuo gruzzolo di collaborazioni, dischi, militanze in bands e palchi vari. L’età è quella del chitarrista napoletano Marcello Giannini, che già annovera tutto ciò, sciorinando presenze (tra l’altro) negli Arduo, Tricatiempo, Slivovitz, Nu Genea e Flo, dando inoltre il suo pregevole apporto a Enrico Rava, Daniele Sepe, 99 Posse, Ron Grieco e molti altri. Parliamo di un fine musicista jazz, giunto al quarto atto solista dal titolo Teresa: otto brani strumentali che per l’occasione perseguono direzioni meno sperimentali e  più da cine-soundtrack. 

Si comincia dalla titletrack, cullata dalla dobro-guitar che ci catapulta in àmbiti estasianti, mentre Kairos è oscuramente austera, esternata con galoppo decisionista. Spostandoci in quel di Rio De Janeiro, l’umore sterza tra percussioni carioche e fluttuazioni hawaiane di gran pregio. Minimali ed estranianti, Il Re della notte e Il grande reset attenuano le luci con riusciti tappeti noir, ma sono gli Elementi a calarci in uno psico-trip disarmante, eclettico e alquanto anomalo. Con Ritrovamenti il chitarrista dà sfogo al suo virtuosismo, srotolando un telone di accordi incalzanti che ornano un pezzo dall’identità maestosa. All’arrivo, ci inocula Serotonina con siringhe di sax jazzy,  psichedelica Pinkfloydiana (Ummagumma) per lunga tratta e bizzarrie percussive in coda.

A bocce ferme, diciamo che Teresa è come se fosse il dossier personale di Marcello, un bignamino di ciò che ultimamente ha incamerato nei suoi ascolti, complice sicuramente i recenti excursus con i sopracitati Nu Genea e Flo, i quali (in qualche modo) han fatto avvicinare i suoi spartiti verso la tradizionale morfologia della canzone. Poco male, sia chiaro…anzi! Teresa conferirà al Nostro un valore aggiunto: quello di non sposarsi a vita col suo grande amore chiamato jazz. Insomma, che si tratti di una sporadica avventura extraconiugale o di una bigamia ripetibile è, comunque, tutta salute compositiva.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2021
  • Durata: 34:31
  • Etichetta: No Words Records / Self

Elenco delle tracce

01. Teresa
02. Kairos
03. Rio de Janeiro
04. Il Re della notte
05. Il Grande reset
06. Elementi
07. Ritrovamenti
08. Serotonina

Brani migliori

  1. Ritrovamenti
  2. Teresa
  3. Rio De Janeiro

Musicisti

Marcello Giannini: chitarre - Marco Castaldo: batteria - Michele Maione: percussioni - Pietro Santangelo: sax - Derek Di Perri: armonica - Riccardo Villari: violino - Paolo Petrella: contrabbasso - Andrea de Fazio: batteria - Stefano Costanzo: batteria - Stefano Simonetta: basso elettrico