ultime notizie

Franco Battiato, l’uomo che ci ...

  È stata una splendida e sobria serata quella che ieri sera, al teatro della Triennale, ha ricordato il “cittadino milanese” Franco Battiato, il musicista giunto dalla sua solare Sicilia per conquistare ...

Paolo Fresu, Daniele Di Bonaventura, Pierpaolo Vacca

Tango Macondo

Che Paolo Fresu ami la voce femminile non è certo un segreto, e da tempo immemorabile, fin dall’epoca delle collaborazioni con Alice e Ornella Vanoni, tanto per arrestarsi agli albori della cosa, che sta conoscendo da un po’ di tempo in qua un massiccio ritorno di fiamma con tre progetti monografici (nel senso di affidati a un’unica voce alla volta) nel segno di Petra Magoni (due, dedicati rispettivamente a David Bowie e Doris Day) e Cristina Zavalloni (il recentissimo “Popoff!”, sulle canzoni dello Zecchino d’Oro) e questo magnifico nuovo album che lo vede ancora una volta a fianco di quello che è ormai il suo sodale per eccellenza, Daniele Di Bonaventura, bandoneonista di eleganza e potere seduttivo ineguagliabili, nello specifico con l’aggiunta di un secondo mantice, l’organetto di Pierpaolo Vacca, new entry quanto mai azzeccata.

 

Qui il processo è però invertito: tre voci (e che voci: Malika Ayane, Tosca ed Elisa, in rigoroso ordine di apparizione), ma ciascuna per uno solo degli undici brani complessivi che compongono l’album (inciso nel settembre 2021 e pubblicato abbastanza a tempo di record, a dimostrare quanto Fresu e soci ci tenessero).

Il risultato è eccellente, anche per la collocazione molto “strategica” in cui gli episodi vocali vengono piazzati, in avvio, centro e sottofinale, a incorniciare (a loro volta incorniciati da) gli otto brani solo strumentali, di una fragranza, un pudore, una forza evocativa e – come si diceva – seduttiva straordinari. Anche perché gli autori, oltre ai tre padroni di casa, sono due signori che rispondono ai nomi di Astor Piazzolla e Carlos Gardel, un tema il primo, due il secondo, esattamente quelli con le tre cantanti, laddove tutto il resto, che il tango del titolo prende da diverse angolazioni, peraltro sempre rispettandone in toto l’humus inconfondibile, contribuisce in maniera esemplare a corredare (a sua volta corredato, ovviamente, perché l’omogeneità qualitativa del lavoro è assoluta).

Cosa aggiungere? Diremmo proprio nulla perché sarebbero parole abbastanza inutili, pleonastiche: quanto vi serviva per procurarvi immediatamente il disco crediamo di averlo detto. Non ne rimarrete certamente delusi.

Foto di Alberto Bazzurro.

       

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Paolo Fresu, Luca Devito
  • Anno: 2021
  • Durata: 51:11
  • Etichetta: Tŭk Music

Elenco delle tracce

01. Alguien le dice al tango

02. Il venditore di metafore

03. Movimento andino

04. Dumburudù / Dillu

05. Macondo

06. El día que me quieras

07. Lenta preghiera

08. Ballu tzoppu / Skamoiada

09. Il sogno delle case di specchio

10. Volver

11. Tema di Matoforu e Anzelina / Stagioni

Brani migliori

  1. Alguien le dice al tango
  2. El día que me quieras
  3. Volver

Musicisti

Paolo Fresu: tromba, flicorno, effetti, pianoforte in #08b;
Daniele Di Bonaventura: bandoneon, effetti, pianoforte;
Pierpaolo Vacca: organetto, effetti;

Malika Ayane: voce in #01;
Tosca: voce in #06;
Elisa: voce in #10