ultime notizie

“Whisky Facile”: il disco di Carotone ...

Il 23 novembre ricorrevano i 100 anni dalla nascita di Ferdinando ‘Fred’ Buscaglione, un grande della storia della canzone d’autore italiana, uno tra i primi a schernire e giocare ...

Giuseppe Fiori

Spazi di vita scomodi

Spazi di vita scomodi è l’esordio discografico, in veste solista, di Giuseppe Fiori. Bassista, polistrumentista, produttore, ha maturato nel corso degli anni varie e considerevoli esperienze. Tra le sue principali collaborazioni, dal vivo e in studio, possiamo citare Tao, Garbo, Morgan, Cristina Donà, Andy (Bluvertigo, Fluon), Alberto Fortis, Ricky Portera, Lele Battista, Paolo Benvegnù, Marco Mengoni, Ricky Belloni, Fausto Mesolella e molti altri.

Dal 2013, inoltre, è il bassista del progetto rock-umanitario Rezophonic, promosso dal noto batterista Mario Riso, una vera e propria sorta di “supergruppo” del rock italiano, impegnato, in collaborazione con Amref, nella raccolta fondi per la costruzione di pozzi d’acqua in alcune nazioni africane. Spazi di vita scomodi contiene dieci tracce originali interamente composte da Giuseppe Fiori, mentre la produzione è a carico di Lele Battista. Il rock, pur rimanendo il comune denominatore di ogni traccia, non è l’unica componente che le contraddistingue. Le molteplici contaminazioni spaziano dal pop alla canzone d’autore all’indie. Per ammissione stessa dell’autore, i brani sono stati composti in un arco temporale molto ampio, dal 2003 ad oggi ed anche se di tratta di un’opera prima, sono pregevoli sia per la parte dei testi che per quella musicale.

Giuseppe si conferma interessante polistrumentista, occupandosi in prima persona della parti di basso e anche di altri strumenti come chitarre, tastiere, piano, ukulele e percussioni coadiuvato da Lele Battista (tastiere e piano) e da alcuni ospiti come Andy dei Bluevertigo (sax), Tao (chitarre), cantautore con il quale Giuseppe ha suonato per molti anni, Gak Sato (theremin), noto per aver collaborato con Vinicio Capossela e, in un brano, il fratello Raffaele Fiori alla batteria.

Spazi di vita scomodi è un esordio positivo e interessante grazie alle varie sfaccettature musicali che lo contraddistinguono.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Lele Battista
  • Anno: 2017
  • Durata: 35:02
  • Etichetta: Discipline / Audioglobe

Elenco delle tracce

01. Spazio
02. Fuori di qui
03. Amore platonico
04. Oggi mi sono svegliato male
05. Segnali di fumo
06. Da domani
07. Toys
08. Noi
09. Nonostante tutto
10. Significati e significanti

Brani migliori

  1. Spazio
  2. Oggi mi sono svegliato male
  3. Nonostante tutto

Musicisti

Giuseppe Fiori: voce, basso, chitarre elettriche e acustiche, programmazioni, tastiere, piano, ukulele, sassofono giocattolo, stylofono, playstation portatile, percussioni, batteria  -  Lele Battista: tastiere, piano, percussioni  -  Raffaele Fiori: batteria e percussioni su Noi  -  Andy Fluon: sax su Noi  -  Gak Sato: theremin su Oggi mi sono svegliato male e Significati e significanti  -  Tao: chitarre su Fuori di qui, Amore platonico, Da domani e Nonostante tutto  -  Manuel Lieta: farfisa e synth su Fuori di qui  -  Raffaele Stefani: sound design su Significati e significanti  -  Annachiara Belli: violino su Spazio e Amore platonico  -  Valentina Conte: violoncello su Oggi mi sono svegliato male, Amore platonico e Spazio