ultime notizie

Daniele Gozzetti: il blues ha un ...

                  Nuovo progetto per Daniele Gozzetti, cantautore bresciano dall’anima rock ‘n’ roll. Si tratta di un video nel quale Gozzetti reinterpreta Blues run the game, un classico dell’americano Jackson ...

Orchestraccia

Sona Orchestraccia Sona

C’è qualcosa di nuovo sotto il cielo di Roma. Un collettivo costituito da artisti di diversa estrazione (principalmente attori, musicisti e cantanti), ma accomunati per l’amore dei valori e dei suoni della vecchia Roma, che si sono uniti nell’intento di rileggere brani tradizionali e creare composizioni originali.
Questo è il manifesto programmatico dell’Orchestraccia, nome bizzarro quanto evocativo per un gruppo che mescola suoni tradizionali ad un sound modernissimo, una world music che affianca la musica d'autore italiana ad accenti centroamericani, passando per il folk e rock di scuola anglosassone intrise di sonorità balcaniche.

Un mix vivace dalle mille sfaccettature che porta in strada un circo itinerante cui accorrono non solo cantautori e musicisti già affermati come Marco Conidi, Roberto Angelini, Giovanni Di Cosimo e Maurizio Filardo (polistrumentista straordinario che ha coordinato l'aspetto artistico e soprattutto musicale del progetto), ma anche attori e volti noti del piccolo schermo come Elio Germano, Edoardo Leo, Giorgio Caputo, Edoardo Pesce, Luca Angeletti, Diego Bianchi (volto ormai molto noto per via del successo televisivo che sta vivendo Gabezo, programma di Rai Tre). Sona Orchestraccia sona è un disco d’esordio dell’anomala formazione romana, l’opera prima che ribadisce le ottime credenziali dimostrate già dall’ensemble in diverse performance live (folgorante l’esibizione al concerto del Primo Maggio). 

Sona Orchestraccia Sona è una festa sfrenata, giocosa e aperta a tutti, il cui miglior biglietto d’invito è confezionato da Lella di Edoardo De Angelis, un classico della canzone d’autore romana che l’Orchestraccia riporta in auge con una ventata di freschezza e modernità completamente sui generis (qui a fianco la copertina del singolo). Ma non è l’unico momento esaltante di un album che nella sua omogeneità trova la miglior virtù, una perfetta commistione di brani originali e riletture di classici: una Roma ormai dimenticata si ridesta improvvisamente dal suo torpore per scoprirsi viva, multirazziale, piena di contraddizioni e sofferente. Tutto vero, ma comunque una città viva, e felice di esserlo.

Sin dal brano originale, omonimo, che apre il disco, sono chiare e ben definite le coordinate musicali del lavoro e le intenzioni della formazione: “Stasera viette a sentì l’Orchestraccia/Vai co’ lo zoppo e ‘mpara a zoppicà/che nella vita serve de sbajà”. Ma attenzione a lasciarsi fuorviare da atmosfere caciarone e ritmi scatenati, i testi infatti sono intrisi di rabbia e malinconia, legati a doppio filo a un passato impossibile da cancellare e un presente amaro da vivere: “li cortelli e le rose”, murder ballad e canzoni d’amore.
Così arrivano brani originali (splendidi) di Marco Conidi come Un Occasione Bellissima e Santa Nega intercalati a Ritornelli Antichi della compianta Gabriella Ferri, e Alla Renella, brano romano “der carcerato” del  ‘700, interpretato con grande pathos ed emozione. Altro brano originale interessante è Mano Santa, scritta da Edoardo Pesce, attualissimo affresco dolce-amaro della città capitolina. Non mancano momenti che rimandano direttamente anche allo storico teatro-canzone di pura tradizione romana: Affaccete Nunziata (del 1893 già nota per essere nel repertorio di Petrolini) e L’elezzione Der Presidente (sonetto pungente di Trilussa in cui il poeta romano metteva alla berlina un sistema politico in caos che manda al governo un asino che raglia….) sono recitate impeccabilmente dal trio Edoardo Pesce, Giorgio Caputo e Elio Germano.
In questo gioco di rimandi tra presente e passato non può non essere segnalata anche Nina Si Voi Dormite, canzone d’amore romanesca del 1901, una toccante serenata che sfocia in Nina Alla Finestra dove Edoardo Leo irrompe con un brillante monologo collegato direttamente alla triste quotidianità dei giorni nostri (la crisi, la perdita del lavoro etc etc).

Curato come dicevamo da Maurizio Filardo (per la parte artistica) e prodotto da Karl Zinny e Ermanno Labianca con la sua etichetta Route 61 (per la parte esecutiva), Sona Orchestraccia Sona è un album d'esordio già competitivo in quanto a maturità lirica e compositiva, un prodotto che  ha il pregio di rinverdire un repertorio troppo poco praticato come quello popolare romano. Un lavoro che però non deve essere inteso come riproposizione tout court di brani che pescano nella “tradizione” e basta, ma piuttosto come un tentativo (ben riuscito) di rileggere quel patrimonio storico e culturale attraverso un linguaggio moderno, contemporaneo ma profondamente rispettoso della tradizione stessa. Uno spaccato della Roma di ieri e di oggi che piacerà ad una fetta molto larga di ascoltatori romani e laziali, ma non solo, infatti siamo certi che un lavoro come questo non sia da circoscrivere ad un ambito regionale, ma che abbia ‘tutte le carte in regola’ (come diceva tanti anni fa un padre nobile della canzone d’autore livornese) per piacere a tutte le latitudini.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Maurizio Filardo (produzione artistica) -  Ermanno Labianca/Karl Zinny (produzione esecutiva)  
  • Anno: 2013
  • Durata: 45:52
  • Etichetta: Route 61 Music / BTF

Elenco delle tracce

01. Sona Orchestraccia Sona

02. Ritornelli Antichi

03. Parole Per Gabriella

04. Lella

05. Santa Nega

06. L’elezzione Der Presidente

07. Nina Si Voi Dormite

08. Nina Alla Finestra

09. Alla Renella

10. Mano Santa

11. Madonna Dell’Urione

12. Un’occasione bellissima

13. Affaccete Nunziata

 

Brani migliori

  1. Lella
  2. Un'occasione bellissima
  3. Alla Renella

Musicisti

Luca Angeletti, Giorgio Caputo, Marco Conidi, Edoardo Leo, Edoardo Pesce: voci principali, cori, letture e canzoni  -  Roberto Angelini: chitarra lap steel  -  Diego Bianchi: percussioni  -  Giovanni Di Cosimo: tromba  -  Maurizio Filardo: chitarra elettrica, chitarra acustica e classica, mandolini, synth, cori  -  Gianfranco Mauto: pianoforte, fisarmonica  -  Daniela Natrella: batteria  -  Salvatore Romano: chitarra elettrica  -  Matteo Pezzolet: basso, contrabasso  -  Ramon Caraballo Armas: percussioni, tromba e pianoforte (11)