ultime notizie

Arte, cultura e sport al SOCIAL ...

Inclusione e cultura insieme per combattere il disagio sociale. Dal 13 al 16 giugno prende il via la prima edizione di un Festival speciale, il Social Tour Guidonia Montecelio. Non ...

Marilena Anzini

Oroverde

Inizi ad ascoltarlo e non sai dove ti porta. È Oroverde, disco d’esordio come solista di Marilena Anzini, già fondatrice e componente del gruppo Arecibo insieme al musicista Giorgio Andreoli, molto attiva nell’ambito del canto corale e dell’improvvisazione vocale. Questo bagaglio si sente forte nei suoi brani, caratterizzati dalla presenza costante di un settetto di voci femminili denominato Ciwicè con cui si esibisce abitualmente. Si avvertono anche una delicatezza e una tenerezza disarmanti sia nella voce sia nell’interpretazione che colpiscono nel segno. Marilena segue la difficile strada della semplicità, in un momento in cui quasi tutti tendono a usare effetti speciali per stupire o catturare l’attenzione. Lei lo fa in modo naturale, è parte del suo essere, riflessivo e attento alle sfumature dell’esistenza, ad esempio al colore “oroverde” che assumono le foglie quando vengono attraversate dai raggi del sole, determinando un incontro tra invisibile e visibile.

Ricercatrice instancabile, dentro le canzoni esprime il suo intimo sentire, in bilico tra riflessioni e interrogativi, ben delineati nel trittico Qualcosa che non c’era, Quello che ci tiene insieme e Koan. La dimensione acustica è l’habitat privilegiato in cui ama muoversi con la sua chitarra, attorniandosi di voci (il coro Canta che ti passa nella traccia 3) e imprimendo una bella dimensione collettiva al suo far musica. Marilena non è né autoreferenziale né accentratrice, ma è parte di un circle singing che esplode in Stare e nel finale di (non a caso) Ciwicè. L’inglese è la lingua di From The Stars And Back e Stormy Souls, due brani che strizzano l’occhio a sonorità folk e jazzy in cui ci sta perfettamente. Su tutto aleggia uno spirito magico, quel soffio universale individuabile nel cinguettio degli uccelli o nella voce di un bimbo che canta a ricordarci di non smettere mai di cercare il bello nei piccoli/grandi miracoli della vita.

Foto di Paolo Sandri

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Giorgio Andreoli, Marilena Anzini
  • Anno: 2020
  • Durata: 40:12
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Qualcosa che non c’era
02. Stare
03. Quello che ci tiene insieme
04. Koan
05. From The Stars And Back
06. Ciwicè
07. Stormy Souls
08. Vicini anni luce

Brani migliori

  1. Qualcosa che non c’era
  2. Quello che ci tiene insieme
  3. Ciwicè

Musicisti

Marilena Anzini: voce, chitarra acustica - Giorgio Andreoli: chitarra acustica (7) - Fiamma Cardani: cajon, batteria (5, 7) - Michele Tacchi: basso (3, 5, 7) - Silvia Angiolini, Cristina Calcaterra, Jessica Di Giovanni, Silvia Masarati, Barbara Scaccia, Chiara Scaccia, Ludovica Varsalona: voci corali - Silvia Angiolini, Emanuela Bessega, Mirka Buscicchio, Cristina Calcaterra, Nicoletta Cassinotti, Raffaella Colombo, Jessica Di Giovanni, Silvia Masarati, Nicoletta Muroni, Miriam Olgiati, Chiara Pettenuzzo, Valentina Rangone, Barbara Scaccia, Chiara Scaccia, Silvia Turconi, Ludovica Varsolona: coro “Canta che ti passa” (3)