ultime notizie

Domenica è il nuovo singolo di ...

  La data scelta per l’uscita di questo nuovo singolo non è una data a caso. Infatti, scegliere il 1° maggio non può che rafforzare il messaggio che il brano Domenica ...

Ruggero Marazzi

Mi ricordo di te

Il disco d’esordio come solista rappresenta spesso il raccolto del proprio background che deriva dalla militanza in una band e ciò contribuisce senz’altro ad arricchire la propria formazione artistica. Il compositore milanese Ruggero Marazzi, dopo otto anni nei Piano Che Piove, con due album all’attivo (“Il tram e la luna” e “In viaggio con Alice”), ha traslocato parte di quell’esperienza negli 11 brani di Mi ricordo di te, per concentrarsi unicamente nel suo progetto personale e lo fa con una tracklist raffinata ed elegante, cogliendo i sapori della grande scuola cantautorale, miscelando essenze di Conte, Vecchioni e De Andrè. Ciò significa che l’opera certifica un atto di qualità, che rimanda alle belle atmosfere del passato non tanto distante, poiché sopravvivono in qualunque epoca e a qualsiasi cambiamento.

In primis, Marazzi sancisce l’importanza vitale dell’amore che alligna in noi, capace di resistere all’usura del tempo e palesemente espresso nel singolo omonimo, accompagnato da un video in chiaroscuro, emblematico dell’alternanza dei nostri umori e stati d’animo. Le splendide Le ore contate ed Il turno di notte ci propongono un artista abile nello sfoggiare bossanova con toni chic e garbati, assai suadenti, mentre in Jack aleggiano echi di Samuele Bersani per condurci nel primo dei due episodi non solo musicali ma anche letterari dedicati a Kerouac. L’altro, intitolato Edward, ispirato al quadro di Kopper (The morning sun), ce lo fornisce in stilosa modalità acustica con humus vellutato e ponderativo. Poi, un basso estroverso detta linee oscure in Il Cartografo  alimentando un atto, comunque, ritmico e godibile. Ancora l’amore, come nucleo operativo dell’agire umano, svetta nell’agile flusso esecutivo di Prendersi e lasciarsi, riservando spazio ad innumerevoli contemplazioni più o meno implicite. Poi, attingendo Acqua fresca dal suo estro autoriale, ci fa salire sul treno Milano-Roma per un viaggio fantastico tra osservazioni dal finestrino e dialoghi consumati tra gli astanti. Infine, cornice di violino e dolce chitarra armonizzano l’espressione nostalgica di Oceano in bianco e nero, battendo all’asta un finissimo lavoro curato, nel quale l’offerta proposta darà il suo contributo per tenere in vita la bella tradizione cantautorale.  

 

 

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2023
  • Durata: 42:06
  • Etichetta: Terzo Millennio Records / Divinazione Milano

Elenco delle tracce

01. Mi ricordo di te

02. Le ore contate

03. Jack

04. Il cartografo

05. Il turno di notte

06. Edward

07. Prendersi e lasciarsi

08. L’amore sul muto

09. Acqua

10. Milano-Roma

11. Oceano in bianco e nero

 

Brani migliori

  1. Il turno di notte
  2. Mi ricordo di te
  3. Oceano in bianco e nero

Musicisti

Ruggero Marazzi: chitarra classica e acustica - Alessandro “Pacho” Rossi: batteria, percussioni - Franco Penatti: batteria - Marco Gianotti: contrabbasso - Gaetano Puzzutiello: basso - Pino Laudadio: pianoforte, tastiere, campionatori - Minno Valente: sax - Gaspare Raule: violino - Matteo Canali: chitarra elettrica