ultime notizie

“Whisky Facile”: il disco di Carotone ...

Il 23 novembre ricorrevano i 100 anni dalla nascita di Ferdinando ‘Fred’ Buscaglione, un grande della storia della canzone d’autore italiana, uno tra i primi a schernire e giocare ...

Emanuele Bozzini

Lontano

Lontano, senza altre parole intorno è certamente un avverbio, sgomberando il campo dalla possibilità che sia un aggettivo o una locuzione preposizionale. Un avverbio che non misura con precisione la distanza, ma di fatto la rende importante, per di più applicabile sia a uno spazio fisico che astratto.

Questa distanza indefinita diventa molto concreta nell’utilizzo che ne fa il cantautore torinese Emanuele Bozzini, nel suo ep dal titolo Lontano. Una distanza/lontananza che appare sottotraccia, infatti, oltre a intitolare l’Ep e uno dei brani, è decisiva anche negli altri tre che la contemplano; L’eremita nella sua distanza dalle persone e dalle cose affollate del mondo, Sparirò, che indica una distanza mutevole per fuggire e nascondersi, più dinamica rispetto a quella statica dell’eremitaggio ed infine in Salto, gesto che è quasi un’ultima razio, meno ragionata e più impulsiva, venata di angoscia e afflizione, a tu per tu con l’abisso, di cui non si misura il fondo. La solitudine, la fuga, l’angoscia, la lontananza, sono sentimenti che vengono indagati con un portato emotivo probabilmente figlio di un vissuto a cui l’autore prova a dare voce.


 

Paradossalmente però mentre si trova la forza di raccontare la distanza e lontananza, si inizia a intraprendere il percorso inverso, quello del riavvicinamento, agli altri, alla vita e alla musica stessa, che di questa separazione ne è stata parte, e forse anche vittima per un po’ di tempo. Ma è un approccio nuovo alla musica, poiché Bozzini infatti intraprende un percorso artistico solitario con questo Ep, e dalle premesse non poteva che essere questa la strada, abbandonando la proficua collaborazione con la folk band belga Marichka Connection. In questo passaggio, Bozzini oltrepassa musicalmente e compositivamente i paletti imposti dal genere folk per abbracciare atmosfere più cantautorali. In questo senso tra i quattro brani Salto è probabilmente quello meglio riuscito, che indica la nuova strada. Ma è chiaro che questo Ep è solo un antipasto di futuri album che possano rappresentare più approfonditamente il mondo del cantautore piemontese.  

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2020
  • Etichetta: Thejump Records

Elenco delle tracce

01. L’eremita

02. Lontano

03. Sparirò

04. Il salto

Brani migliori

  1. Il salto