ultime notizie

Domenica è il nuovo singolo di ...

  La data scelta per l’uscita di questo nuovo singolo non è una data a caso. Infatti, scegliere il 1° maggio non può che rafforzare il messaggio che il brano Domenica ...

Susanna Parigi

L’insulto delle parole

Non pensiate che questo sia un disco dal facile ascolto. Al tempo stesso è un album popolare, perché si propone di raggiungere la testa e il cuore dell'ascoltatore. Con testi diretti, duri, dove la speranza di un mondo migliore arriva dopo una purificazione attraverso i gironi infernali imposti dalla società. E' il titolo stesso a essere un vero e proprio marchio dell'ultimo lavoro di Susanna Parigi. La musicista fiorentina ha ormai lasciato alle spalle gli anni di apprendistato come tastierista di grandi nomi (Claudio Baglioni,  Riccardo Cocciante) e cantante (trasmissioni Rai, Festival di Sanremo) per affrontare un cantautorato dove testi e musica avessero ruoli distinti e importanti al tempo stesso. Già dal precedente In Differenze, Susanna Parigi ci aveva mostrato il suo interesse per tematiche sociali. Stavolta è il mondo che ci circonda a fornire all'artista le armi dell'indignazione, dell'allarme, dell'impegno a cambiare rotta per una convivenza basata sul rispetto. I testi in questa occasione sono fondamentali, ma lo è anche la costruzione musicale, dove l'uso di pianoforte e quartetto d'archi (con solo qualche colore aggiunto) permette ai versi di essere ancora più forti. Le note sono studiate a una a una, secondo uno schema classico evidenziato dalla collaborazione con il quartetto d'archi. L'insulto delle parole trova la forza nel suono arcaico del clavicembalo, e con lo scorrere delle tracce la poesia e la musica si rincorrono per dare vita a canzoni come Fa niente, Il raro movimento, dove la struttura musicale, spesso nervosa è incastonata con i versi. Fino al finale dove L'applauso presenta figurazioni più rassicuranti. Una sola cover, di un brano di Jacques Brel. Tanto per far capire la nobiltà dell'ispirazione.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Susanna Parigi e Stefano Barzan
  • Anno: 2009
  • Durata: 41:58
  • Etichetta: Promo Music/Edel

Elenco delle tracce

01 L'insulto delle parole

02 Non chiedermi parole d'amore

03 Fa niente

04 L'attenzione

05 La fiorista (intro da "In un fiore")

06 ll raro movimento

07 C'è bisogno di tempo

08 La canzone dei vecchi amanti (intro da "Sempre")

09 Una basta

10 L'applauso

11 Clip video - L'insulto delle parole

Brani migliori

  1. Fa niente
  2. Il raro movimento
  3. L'applauso

Musicisti

Susanna Parigi: voce, clavicembalo, fisarmonica, pianoforte   Arkè String Quartet: Carlo Cantini: violino Valentino Corvino: violino Sandro di Paolo: viola Stefano Dall'Ora: contrabbasso                                                   Ivan Ciccarelli: percussioni Matteo Giudici: chitarre Alice Bisanti: viola Aurora Bisanti: violino Yuriko Mikami: violoncello