ultime notizie

Chrysalis è il nuovo singolo dei ...

di Giampiero Cappellaro Tornano i biVio, formazione nata a Parigi nel 2018 dall’incontro della cantante Natalia Bacalov, figlia del noto compositore Luis Bacalov (e madre di origine italiana), e ...

Enrico Ruggeri

La rivoluzione

Abbiamo aperto le finestre. Sono entrati sole e pioggia, vento e calore”, con queste parole contenute nel reading Magna Charta, una sorta di manifesto programmatico, si apre La rivoluzione l’ultimo disco di inediti di Enrico Ruggeri. Un titolo significativo e una parola che negli anni è stata molto usata, e come spesso accade, anche a sproposito.

L’essenza del CD (uscito prima dell’estate su etichetta Anyway e che segue a distanza di tre anni “Alma”), come in molti dei lavori discografici di Ruggeri, sono indubbiamente i testi. In questo caso le undici tracce (una sorta di concept album autobiografico) si dipanano lungo la strada della sua vita con un occhio attento al futuro in divenire, ma senza perdere di vista il presente e soprattutto il passato. Un racconto intenso in cui il tema principale in una qual misura sono i rapporti umani, il passaggio comune a molti di noi dall’adolescenza all’età adulta fatto di rapporti umani, di sogni adolescenziali e di una generazione che suo malgrado si è scontrata con la vita. Il tutto racchiuso, non solo nella musica, ma anche nell’iconico scatto di copertina: una foto che riprende la classe di Enrico Ruggeri al Liceo Berchet durante l’anno scolastico ‘73/’74. […] qui c’è una generazione che vide arrivare la Lotta Armata, le bombe di Piazza Fontana, l’eroina, l’AIDS che portò a una retromarcia nella liberazione sessuale… ma anche tanti tipi di musica, suonata bene, che hanno segnato la storia […]

 

Difficile fare una cernita dei brani consigliati, più volte scrivendo li ho infatti cambiati, ma dovendo scegliere metterei: La Rivoluzione, in cui Enrico racconta il passaggio dall’adolescenza all’età adulta […] C’è stato un momento nel quale abbiamo creduto di poter cambiare il mondo, poi abbiamo accettato e subito la trasformazione della realtà: è arrivato il “riflusso”, ognuno di noi ha pensato di poter essere l’artefice del suo destino, e forse per qualcuno è stato così […]. Aggiungerei poi Che ne sarà di noi, un brano sotteso mirabilmente tra la speranza e lo smarrimento ed infine Glam bang che, a parere di chi scrive è il brano più coinvolgente, arricchito tra l’altro dall’esplosivo finale cantato da Silvio Capeccia (insieme al quale nel lontano 1972 Ruggeri aveva fondato gli Champagne Molotov, prima dei Decibel).

Con La rivoluzione ancora una volta Ruggeri ha saputo dimostrare l’attitudine al raccontare storie con cura - a tratti maniacale - sia per le parole che per i suoni, che non forniscono certamente una mera cornice. A riprova di ciò, durante la registrazione del disco, si è attenuto a quello che lui stesso ha definito e impostato come il “decalogo della buona musica”.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Enrico Ruggeri  
  • Anno: 2022
  • Etichetta: Sony Music

Elenco delle tracce

01. Magna Charta

02. La Rivoluzione

03. La fine del mondo

04. Non sparate sul cantante

05. Parte di me

06. Che ne sarà di noi (feat. Francesco Bianconi)

07. Alessandro

08. Gladiatore

09. Vittime e colpevoli

10. Glam bang (feat. Silvio Capeccia)

11. La mia libertà

Brani migliori

  1. La rivoluzione
  2. Che ne sarà di noi
  3. Glam Bang

Musicisti

Enrico Ruggeri: voce;
Paolo Zanetti: chitarre;
Francesco Luppi: tastiere;
Alex Polifrone: batteria;
Fortu Sacka: basso;
Stefano Marlon Marinoni: sax;
Davide Brambilla: fiati;
Andrea Mirò: archi