ultime notizie

TENER-A-MENTE, Festival del Vittoriale 2022: dal ...

  Martedì 7 Giugno, nella deliziosa cornice di Palazzo Broletto a Brescia, si è svolta la conferenza stampa di presentazione di ‘TENER-A-MENTE, il Festival del Vittoriale’ che si terrà dal 25 giugno ...

Michele Gazich

La nave dei folli

Michele Gazich è musicista colto, per scelta poco appariscente, anche se il suo non voler essere personaggio lo caratterizza a tal punto da esaltarne ed enfatizzarne, giustamente, i meriti strettamente musicali. Un artista inconsueto per la discografia italiana. La sua notorietà ha avuto inizio grazie alle collaborazioni con Michelle Shocked e Massimo Bubola, con il quale era impegnato nel triplice ruolo di musicista (violino e viola), produttore e arrangiatore. In Italia ha collaborato assiduamente, tra gli altri, anche con Giorgio Cordini, Massimo Priviero e Luigi Maieron. È però grazie alle collaborazioni con artisti come John Hammond, Mary Gauthier, Eric Andersen, Victoria Williams e soprattutto l’ex leader dei Jayhawks Mark Olson che Gazich ha avuto modo di farsi conoscere ed apprezzare negli USA e in tutta Europa. E ora, dopo tante e intense collaborazioni, ha finalmente deciso di proporre un suo progetto originale. La nave dei folli è un disco atipico, registrato con la collaborazione di un ristretto gruppo di fidati amici. Beppe Donadio, interessante cantautore bresciano ingaggiato in questo caso nelle vesti di pianista, Luciana Vaona, cantante dalla voce particolare, dolce e suadente, già corista di Massimo Bubola e protagonista con lui di un duetto in La fontana e la domenica nell’album “Segreti Trasparenti”, Fabrizio Carletto al basso elettrico e, in alcuni brani, Elena Ambrogio al flauto traverso. Su tutti però svetta Gazich che con il suo violino e la sua viola, caratterizza le tracce proposte.
“La Nave dei Folli” è composto da dieci brani, scritti da Michele tra il 2006 e il 2008, ballate contaminate dalla musica tradizionale italiana, folk, classica e in parte cantautorale ma non, come magari ci si poteva aspettare dalle sonorità tipiche degli Stati Uniti. Non ci sono chitarre, e nemmeno alcun tipo di percussione.
Nelle note di copertina il disco è stato diviso in due parti, alla stregua di un vecchio lp, ed è arricchito da un esaustivo libretto contenente tutti i testi originali in italiano e le relative traduzioni in inglese. Esordio, se di esordio si può parlare vista la caratura del personaggio, molto positivo, una proposta coraggiosa e speciale che piacerà sicuramente a tutti quelli che amano ascoltare con attenzione e interesse.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Michele Gazich
  • Anno: 2008
  • Durata: 36:15
  • Etichetta: Fb

Elenco delle tracce

01. L’idiota è tornato in città
02. Guerra civile
03. Tra il diavolo e il mare
04. La Venere di carta
05. Canzone dal fondo del mare
06. Come Giona
07. Poeta in gabbia
08. Il colore degli angeli
09. La nave dei folli
10. Canzone dell’amore lungamente atteso

Brani migliori

  1. L’idiota è tornato in città
  2. Guerra civile
  3. La nave dei folli

Musicisti

Michele Gazich: violino e viola
Luciana Vaona
: voce
Beppe Donadio
: pianoforte
Fabrizio Carletto
: basso

Elena Ambrogio: flauto traverso