ultime notizie

Nuovo album per Nada

  di Alberto Calandriello Ottime notizie dalla Toscana. Esce infatti il 7 ottobre il nuovo album di Nada, intitolato La paura va via da sé se i pensieri brillano, edito da ...

Fabio Zuffanti

Ghiaccio

Avere tra le mani e nelle orecchie Ghiaccio, il terzo progetto solista del poliedrico Fabio Zuffanti, è un'esperienza che consiglio a tutti coloro che sono sempre desiderosi di spunti di riflessione.

L'attività artistica di Fabio Zuffanti è davvero ricca, ha all'attivo fortunati progetti come Finisterre, Hostsonaten, La Maschera di Cera, Aries e il recente e folleggiante R.U.G.H.E, per citarne alcuni. Un artista generoso, capace di dedicarsi sia al lavoro di gruppo che in solitaria, e di dedicare, quindi, una parte del suo estro con sfida e sincerità.

Sin dalle prime note, Ghiaccio si lascia ascoltare e lievita senza far rumore grazie alla mistura di post-rock e minimalismo che nella sua elettricità e nel suo esser cantato in modo sottile è tutt'altro che freddo, come potrebbe suggerire il titolo.

Dalla title track che promette un abbandono e un ritorno echeggiano gli Air di Moon Safari, mentre con Ultravoid l'elettronica è accecante, diretta ed efficace e l'autore si confronta, ora come La Talpa "scaverò tra le lenzuola una galleria", ora come in un Salto in lungo "ad attenderti due file di bianco".

Tanta luce e nessuna ridondanza, come Franco Battiato insegna.

Guardiamo dentro la scatola è un invito a riascoltare il binomio Battisti - Panella, con anima blues e percussiva, tanto sperimentale quanto in linea con la canzone d'autore italiana. 

Certo tante sono le fonti che possono ispirarci, come le suggestioni dell'estatico performer Tommaso Labranca in Due sonetti dinanzi al Just Cavalli, sporca e sinuosa. Mi piace pensare che Ghiaccio arrivi a svelare anche il suo processo di elaborazione e accurata selezione, come in Il costruttore di elefanti, "quando si costruiscono elefanti non tutti i pezzi sono necessari".

Psichedelia con i piedi per terra che, dopo l'ascolto di Cinque all'alba, sembra spiccare il volo, "così ti chiedo cosa pensi cosa pensi cosa pensi ad ogni stimolo non reagisci".

Un disco costruito sull'esigenza, mai compiaciuta, di liberare con coscienza tutte le note che esplodono nel cuore di Fabio Zuffanti.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Fabio Zuffanti
  • Anno: 2010
  • Durata: 51:40
  • Etichetta: Mellow Records

Elenco delle tracce

01. Ghiaccio

02. Ultravoid

03. La talpa

04. Salto in lungo

05. Le fabbriche felici

06. Guardiamo dentro la scatola

07. Due sonetti innanzi al Just Cavalli

08. Il costruttore di elefanti

09. Cinque all'alba

Brani migliori

  1. Ghiaccio
  2. Guardiamo dentro la scatola
  3. Cinque all'alba

Musicisti

Fabio Zuffanti: all instruments, vocals