ultime notizie

Nuovo album per Nada

  di Alberto Calandriello Ottime notizie dalla Toscana. Esce infatti il 7 ottobre il nuovo album di Nada, intitolato La paura va via da sé se i pensieri brillano, edito da ...

Scapestro

È il bene che resta

Napoli è passione, è folklore verace, è anima del mondo, è arte spontanea e, proprio all’ombra del Vesuvio, zampilla il cantautore Scapestro (alias Fulvio di Nocera) che giunge al secondo album È il bene che resta, a quattro anni da Shurhùg, sempre sotto l’egida della label SoundFly.  Il suo percorso solista partì nel 2015, dopo essersi fatto le ossa con le applaudite esperienze con le bands Polina, Bisca e Songs for Ulan, ed oggi il sound scaturito è di quelli effigiati con esperienza e maturità, curato con idee lodevoli e centrate.

I 9 brani dell’album sono (l’ennesimo) figlio dell’era pandemica ma non per questo dozzinale. Anzi! Scapestro minia il tutto con accortezza e fantasia progettuale, inanellando un effluvio sonoro che abbraccia sì echi partenopei, ma sa anche giocarsi ottime carte godibili e sorprendenti. L’antipasto arriva con la calda titletrack, ornato di aurea abissale, come immersi in un golfo ponderativo e poetico, mentre si cambia registro con il dondolio folk-mantrico di Chi se ne va che, per fantasia assemblativa, rimanda a certe genialità di Daniele Silvestri. La morbidezza espressiva la riserva con la spensierata eleganza di  Non c’è tempo per amarsi e Come vecchie pellicole. Invece, Equilibri precari procede al piccolo trotto con dinoccolata evasione. Poi, si concede uno sfizio, un vezzo di leggerezza estraniante con La soffitta, mentre una splendida acustica pennella l’assetto della bizzarra Mondi sommersi, incorniciata con violini Irish-folk, però tutto il “core de Napoli” batte nella suggestiva Marinai.  Fulvio si congeda immergendosi nelle acque chete e stilose di Tutto cambia: un titolo che è un presagio di commento presto a venire da parte di orecchie sorprese da tanta imprevedibilità stilistica.

A tirar le somme, È il bene che resta tiene alto l’orgoglio partenope con un’opera ricca di sensibilità autoriale, senza la quale Scapestro non riuscirebbe a colpire nel segno o quantomeno sarebbe uno come tanti, agganciato ai cliché tradizionali di una napoletanità scontata e prevedibile ed invece consegna un album che saprà convincere anche la platea degli scettici e dei prevenuti, grazie a dettagli ed inserti rinfrescanti, ri-stilizzati per l’occasione da un artista che preferisce dilatare la sua presenza ma, al momento del ritorno in pista, possiamo star certi che quello che pubblicherà, sarà certificato dalla sua chiara ed evidente sincerità e trasparenza.  
Napule è anche altro.

Foto di Paolo Terlizzi

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2022
  • Durata: 33:14
  • Etichetta: SoundFly Records

Elenco delle tracce

01. E’ il bene che resta

02. Chi se ne va

03. Non c’è tempo per amarsi

04. Equilibri precari

05. La soffitta

06. Mondo sommerso

07. Come vecchie pellicole

08. Marinai

09. Tutto cambia

Brani migliori

  1. Chi se ne va
  2. E' il bene che resta
  3. Mondi sommersi

Musicisti

Scapestro: voce, basso - Jonathan Maurano: batteria - Giosi Cincotti: pianoforte - Caterina Bianco : voce - Antonella Bianco: chitarra