ultime notizie

Arriva a Brescia il Festival Viator

Approda a Brescia l’8ª edizione del FESTIVAL VIATOR e lo farà con un concerto che si terrà Venerdì 25 novembre nel Tempio Valdese di Via dei Mille, 4. Un ...

Rebel Bit

Come

In principio era il Logos, la Parola.

Inizia sempre tutto da lì, da un pensiero che prende forma e suono e si diffonde libero tra le persone per mezzo della voce. È affascinante che dopo tanti secoli la voce sia ancora lo strumento più importante, così prezioso ed imprescindibile che non si compra al mercato. Vocalizzi e parole, ritmo e melodia generati e gestiti tramite bocca e diaframma che superano confini linguistici e culturali e si diffondono in tutto il mondo riducendo le distanze. Come a maggio scorso, in cui quattro voci della provincia di Cuneo hanno trionfato a Boston aggiudicandosi i più importanti riconoscimenti mondiali relativi alla musica vocale.

Stiamo parlando dei Rebel Bit e del loro ultimo lavoro intitolato Come con cui si sono aggiudicati ben 2 CARAS (Contemporary A Cappella Recordings Awards), ovvero gli “Oscar” della musica vocale internazionale, nelle categorie miglior album elettronico/sperimentale e miglior arrangiamento professionale per il brano Toccaterra (composto da Lorenzo Subrizi). I Rebel Bit sono il quarto gruppo italiano a vincere nella storia dei CARAS, dopo Neri per Caso, Cluster e Venice Vocal Jam.

Composto da 6 brani di cui 4 cover e 2 inediti (Not a fairytale, Scatto lento), con il contributo del sound designer Andrea Trona e del produttore Erik Bosio, l’EP "Come" (pubblicato a novembre 2021) parla di cambiamento inteso nei suoi aspetti più intimi e profondi come rinnovarsi, imparare, sbagliare, perdere, mollare, e quindi crescere, attraverso la destrutturazione della percezione che abbiamo di noi stessi, degli altri e del mondo che ci circonda.

 

I brani presentano delle armonizzazioni davvero efficaci, non solo per la tecnica ma soprattutto perché connessi al pathos e alla struttura del brano; come in Vince chi molla, canzone originale di Niccolò Fabi in cui mente e corpo si ascoltano e scavano per poi ergersi in una consapevolezza intrecciata: qui questo dialogo, questo approccio olistico è tradotto bene dalle voci gravi che sul finale pian piano risalgono e si aprono specularmente nelle armonie, come un pentagramma che si fa ventaglio, come in un abbraccio cercato. Interessante notare che spesso la voce e l’elettronica si fondono e si confondono in una osmosi tra questi due strumenti di fatto così distanti e a volte opposti, il primissimo e il nuovissimo, principio e progresso. Calibrare le parti non è facile, e quest’album dimostra che è possibile solo attraverso una ricerca capillare e appassionata dei mezzi e sui mezzi, dunque in fase sia di produzione che di post-produzione (mixing e mastering).

Altra caratteristica ricorrente è quell’attitudine a cercare un asse tra semantica e fonetica, ovvero percepire un’effettiva vicinanza tra il significato delle parole e la modulazione dei suoni: un esempio lo troviamo in Toccaterra (brano originale di Emma Nolde) dove il “muovermi senza” di fine ritornello è veicolato da guizzi vocali e armonizzazioni che rendono davvero l’idea del movimento, della reazione cantata. Si ha l’impressione, a volte, che il reale potenziale dei Rebel Bit venga fuori quando gli elementi sono ridotti al minimo, in un intreccio vocale (e sonoro) semplice, essenziale. E questa attitudine si presta bene all’accompagnamento di scene visive, come la costruzione sinergica di un testo teatrale oppure addirittura un formato televisivo e/o cinematografico. Diciamo questo perché, nei brani, è notevole l’impronta e lo stile mentre si viene accompagnati pian piano verso il ritornello o sul finale della seconda parte (quella fase che in musicologia è denominata special o middle-eight), dunque quando la storia trova una sua soluzione, un senso. Attingendo proprio dal linguaggio cinematografico, diremmo che i Rebel Bit sono particolarmente portati verso i plot twist, perché sanno attendere il momento esatto in cui unire gli elementi, elevare il racconto e capitalizzarlo.

Non è scontata neanche la lettura del titolo dell’album "Come", che può essere interpretato a discrezione in italiano e in inglese, con due significati diversi ma con lo stesso fine: viaggiare insieme verso una nuova meta. E questo intento è riassunto nella copertina dell’album, chiara citazione del finale del film 'The Truman Show'.

Quella di Giulia Cavallera, Guido Giordana, Paolo Tarolli e Lorenzo Subrizi (i quattro componenti dei Rebel Bit) è una storia iniziata nel 2017 nella provincia di Cuneo, fatta di impegno e merito, maturata attraverso anni di viaggi ed esperienze artistiche ed umane.
La popolarità televisiva conquistata al programma 'Italia's Got Talent 2021', e poi soprattutto il trionfo alla cerimonia mondiale dei CARAS, mettono le basi per un percorso musicale innovativo e che merita attenzione da parte dei media. Piccole realtà italiane musicali crescono. Compito di noi tutti è quello di valorizzarle.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Erik Bosio
  • Anno: 2021
  • Durata: 25:44
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Toccaterra
02. Trusty and true
03. Scatto lento
04. Vince chi molla
05. Walk on water
06. Not a fairytale

Brani migliori

  1. Toccaterra
  2. Vince chi molla