ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Artisti Vari

Bardóci

Nato a Pavia nel 1939, Sergio Bardotti ci ha lasciati l'11 aprile 2007. Era paroliere, traduttore e compositore lui stesso. Il Club Tenco, che già l’aveva premiato nell’83 come operatore culturale, gli dedica oggi – insieme con una bella fetta della sua rassegna 2008 – questo monumentale tributo in cui chiama a raccolta molti dei più bei nomi della canzone italiana e non. Come traduttore, Bardotti ha sempre amato in primo luogo i brasiliani (Bardóci è appunto la simpatica storpiatura del suo cognome da loro operato), mentre come paroliere è stato legato soprattutto a Endrigo (con cui ha vinto per esempio Sanremo ’68 con “Canzone per te”); al quale Endrigo, però, il Tenco aveva già dedicato un’edizione (2001) con relativo cd, ragion per cui, qui, non ci sono canzoni dell’istriano. Ce ne sono in compenso ben nove brasiliane (amore condiviso da Bardotti appunto con Endrigo), con Chico Buarque (presente in scaletta, niente meno) e Vinicius de Moraes, paroliere (in verità poeta) a sua volta, a farla da padroni con tre pezzi ciascuno. Ai francesi, altro amore bardottiano, va un brano in meno; però, con quattro a testa, sono due di loro, individualmente, i più presenti: Brel (in realtà belga, com’è noto) e Aznavour (in un caso, “Je veux te dire adieux”, che diventa Ti voglio dire addio, in comunità con Gilbert Bécaud). Ci sono poi la Catalogna di Joan Manuel Serrat, ma anche di Joan Isaac, mirabile interprete di “Les bateaux sont partis” (Le barche sono fuori), e naturalmente un bel po’ d’Italia, testi di Bardotti (in un paio di casi, peraltro, Pupazzi e lo strumentale Bolero, anche autore della musica), spesso cofirmati da Nini Giacomelli (ma anche da Gino Paoli, fra gli altri, nella sublime “Le plat Pays” di Brel, che nel ’68 fu eletta canzone francese del secolo, e alla quale qui la voce brunita e partecipe di Gianmaria Testa regala nella versione italiana intitolata Questa pianura un pathos speciale), e musiche, fra i tanti, di Lucio Dalla, la cui “Casa in riva al mare” viene brillantemente traslata in calabrese (A casa a riba ai mari) dai Quartaumentata, e Luis Bacalov.

Detto ciò, veniamo rapidamente agli interpreti, mare magnum entro cui si passa con assoluta disinvoltura (quindi lievemente, molto à la Bardotti) da voci-monstre come Vanoni e Ranieri, maiuscoli in Poema degli occhi (da Vinicius) e Ti voglio dire addio rispettivamente, a cori di bambini, protagonisti o comprimari in almeno quattro episodi. Le cose migliori, al di là di quanto già evidenziato, vengono da Max Manfredi e Raffaella Benetti, entrambi ancora nel segno di Brel, e poi da un Giorgio Conte in gustosa versione manouche e da un imprevedibile Peppe Voltarelli per Aznavour. Ovviamente anche tutto il resto merita attenzione (e affetto, lo stesso che sparge), perché è proprio la globalità – e il coraggio – della proposta a rendere prezioso, “necessario”, al di là dei singoli episodi, questo doppio cd (anche per il generoso booklet interno).

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Enrico De Angelis & Sergio Secondiano Sacchi
  • Anno: 2008
  • Durata: 97:11
  • Etichetta: Ala Bianca/Warner

Elenco delle tracce

Cd 1
01. Samba per Bardóci (Claudio Fava)
02. Se fossi il tempo (Simone Cristicchi)
03. Questa pianura (Gianmaria Testa)
04. Vita (Chico Buarque de Hollanda)
05. Pupazzi (Marco Ongaro)
06. Dormire con lei, signora (Giorgio Conte)
07. Giorni (Petra Magoni)
08. Com’è che ti va? (Sergio Cammariere)
09. Uno spettacolo (Têtes de Bois)
10. Questo nuovo amore (Max Manfredi)
11. Terra (Teresa De Sio)
12. Inconsupertrafrà (Coro Voci Bianche The Bridge)
13. A casa a riba ai mari (Quartaumentata)
14. Le barche sono fuori (Joan Isaac)
15. Rosa dei Venti (Massimo Priviero)

Cd 2

01. Poema degli occhi (Ornella Vanoni)
02. Kubala (Joan Manuel Serrat)
03. Canzone senza parole (Alberto Patrucco)
04. Partire (Anna Identici)
05. Canzone dei ministri (Luca Faggella)
06. Ti voglio dire addio (Massimo Ranieri)
07. Il bene mio (Stefano Bollani)
08. Drago Sciacquone (Chiara Trebo)
09. Tutto il resto può cambiare (Vittorio De Scalzi)
10. Io non lo so (Raffaella Benetti)
11. Motivi Banali (Carlinhos Vergueiro)
12. Bolero (Daniele Caldarini)
13. Io bevo (Peppe Voltarelli)
14. Samba del grande amore (Elisabetta Prodon)
15. Samba della rosa (Fiorello)

Brani migliori

  1. Questa pianura
  2. Questo nuovo amore
  3. Le barche sono fuori