ultime notizie

TENER-A-MENTE, Festival del Vittoriale 2022: dal ...

  Martedì 7 Giugno, nella deliziosa cornice di Palazzo Broletto a Brescia, si è svolta la conferenza stampa di presentazione di ‘TENER-A-MENTE, il Festival del Vittoriale’ che si terrà dal 25 giugno ...

'Vale la pena Tour' è un progetto che vede sullo stesso palco l'artista toscano e il gruppo cileno.

Giulio Wilson e Intillimani: sei date insieme nel 'Vale la pena Tour'

Prima data il 13 marzo a Salsomaggiore, l'ultima il 20 marzo a Sassari

 

È partito da Salsomaggiore Terme domenica 13 marzo il tour teatrale di Giulio Wilson & Inti-Illimani, sei date in giro per l'Italia e che dopo l'esordio di Salsomaggiore farà tappa a Firenze (14 marzo), Bologna (15 marzo), Roma (17 marzo), Carpi (18 marzo) e Sassari (20 marzo).

Il “Vale la pena Tour”, dal nome dell'apprezzatissimo brano che la gloriosa band cilena ha inciso di recente con il cantautore fiorentino, dallo stile ricercato e in molti brani anche volutamente demodé, nasce per ritrovarsi a cantare insieme nei teatri una musica di pace e di speranza, contro ogni forma di guerra, e mai contesto può essere purtroppo più attuale in quest’Europa in cui le armi crepitano e la speranza è relegata nell'abisso sferzante della cupa quotidianità. La registrazione del brano è antecedente a queste settimane di guerra (era uscito nel 2021 nel disco di Wilson, Storie vere tra alberi e gatti), ma riproposto oggi diventa “attualità”, basti pensare alla frase centrale “costruire è meglio che distruggere

Giulio Wilson è uno tra i più raffinati ed evocativi cantautori “nuovi” (emergenti è un brutto termine per chi ha già due album alle spalle e calca i palchi da oltre vent’anni…) che, rifacendosi alle esperienze della canzone d'autore italiana, ne reinterpreta i canoni con sorprendente originalità e talento. Brani di grande ricercatezza stilistica, come Modigliani, L'albero sognante, I ricordi, Budapest, Mia bella ciao, Occhi, lo hanno imposto all'attenzione del pubblico e della critica come il cantautore delle radici, del rapporto con la terra e con la natura, cavalcando la storia delle piccole storie, sullo stretto crinale fra incanto e disincanto. E se parliamo di radici, a Wilson piace mischiarsi con la terra, accarezzarla, coltivarla, visto che è anche un rinomato produttore di vino nel territorio di Firenze e dintorni.

 

Gli Inti-Illimani non hanno bisogno di presentazioni. Lo storico gruppo folk si è imposto all'attenzione del mondo negli anni del loro esilio dalla patria cilena, a seguito del golpe che diede inizio alla spietata dittatura di Pinochet. La loro musica “rivoluzionaria e popolare” ha punteggiato gli ultimi decenni del secolo scorso, con brani fortemente evocativi e militanti, fra i quali le indimenticabili El pueblo unido jamàs serà vencido, Alturas, Canciòn del poder popular, La fiera de San Benito.

Da sempre ambasciatori di pace, della resistenza contro le dittature e le ingiustizie, del patrimonio musicale dell’America Latina, hanno cantato e gridato forte il loro impegno civile in difesa della democrazia e del progresso, contro ogni forma di abuso, di repressione e di violenza.

In questa situazione drammatica che il popolo ucraino sta subendo e che il mondo intero sta vivendo, Jorge Coulón (qui nella foto) voce degli Inti-Illimani, tiene a precisare: “Ancora una volta le situazioni non risolte o gestite male ci portano a una condizione estrema e inaccettabile di guerra, di invasione, di sopruso e di abuso contro le popolazioni indifese. Volevamo tanto fare questo tour, abbiamo sognato per molto tempo di tornare in Italia dopo il dilagare della pandemia; torniamo in un Paese che, come tutto il mondo, lotta ancora una volta per la pace, per il rispetto dei diritti umani, per il rispetto dei popoli, per la gente comune che vive del proprio lavoro e che non aspetta altro che poter lavorare, vivere, crescere e amare, condividere in pace. Speriamo che questi concerti siano un momento di incontro, per riaffermare i diritti delle persone, al di sopra dei giochi delle grandi potenze”.

Vale la pena, la canzone, scritta da Wilson e cantata insieme agli Inti-Illimani, è stata registrata a Santiago del Cile (vedi il video della registrazione) durante le proteste popolari scaturite il 7 ottobre 2019 contro l’aumento del carovita e il dilagare della corruzione. Uscita in doppia versione, in italiano e in spagnolo, come dicevamo prima Vale la pena è una delle 13 tracce che compongono l’ultimo album del cantautore, Storie vere tra alberi e gatti uscito nel 2021.

Una proposta musicale inedita ed originale, quella degli Inti-Illimani e di Giulio Wilson, per uno spettacolo coinvolgente, denso di contenuti che rinnova e rafforza le passioni di sempre e che conquisterà anche i più giovani.

Vale la pena Tour, in collaborazione con Amnesty International Italia, supporta la campagna di sensibilizzazione a sostegno dei diritti umani ed a tutela dei migranti. Canzoni di esistenza e di resistenza, fra gli Appennini e le Ande, tra passato e presente, tra sogno e realtà.

https://www.facebook.com/giuliowilson/
https://www.giuliowilson.it/
https://twitter.com/giuliowilson?lang=it

 


Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento