ultime notizie

Foxy Lady Ascolta arriva a Milano

Quando si dice che qualcosa nasce dal “basso”, possiamo pensare subito a due cose. La prima è che dalle quattro corde del basso, dalla ritmica, può nascere una canzone (e gli ...

Teatro Romano di Verona

Patty Pravo

È stata una vera Signora della musica italiana ad aprire la serie di concerti in programma nella splendida cornice del Teatro Romano di Verona nell’ambito dell’edizione 2023 dell’ormai decennale Festival della Bellezza, quest’anno dedicato a Philippe Daverio e al suo motto: “La vita che imita l’arte”.

Il concerto di Patty Pravo dal titolo Minaccia bionda, in programma l’11 giugno scorso, è iniziato purtroppo insieme alle prime gocce di pioggia che, nel tempo dei due brani iniziali, si son trasformate in un tremendo acquazzone che ha fatto momentaneamente allontanare parte del pubblico che riempiva tutta la gradinata. La serata, che ha registrato il sold out nella piena capienza dell’antico teatro di 1500 posti, si è quindi interrotta temporaneamente, mentre gli occupanti della platea resistevano impavidi sotto ai loro cappucci trasparenti e ombrellini di fortuna. Sul palco intanto, la cantante e i suoi musicisti esprimevano vero rammarico per l’inclemenza del tempo e si auguravano di poter riprendere il concerto quanto prima. E così è stato, fortunatamente. Quella che sembrava una serata irrimediabilmente guastata, e che si temeva terminata a pochi minuti dall’inizio, si è rivelata invece l’occasione per evidenziare ancora di più la grinta e le doti d’interprete della cantante veneziana, che al primo accenno di schiarita è tornata prepotentemente in scena promettendo di portare a termine il concerto, nonostante notevoli inconvenienti tecnici dovuti al temporale (come l’occhio di bue che avrebbe dovuto darle luce e che per tutto il prosieguo del concerto è rimasto spento, lasciandola imperterrita a cantare mal illuminata). L’artista ha quindi dimostrato un sincero affetto e rispetto verso il suo pubblico, composto in gran parte da over 45 ma anche da un discreto numero di fan di nuova generazione. La serata si è così riaccesa di nuovi colori e, quasi magicamente, le gradinate si sono nuovamente riempite di un pubblico fradicio ma entusiasta, che non aveva pensato affatto di abbandonare una così preziosa occasione, ma si era solo riparato alla meglio in attesa di poter tornare a godere di un concerto ricco di momenti di grande intensità e, perfettamente in tema con il titolo festival, appunto di bellezza.

Nicoletta! acclamata e applaudita a gran voce dai presenti ha ripreso il suo programma in piena libertà e nello stile che la contraddistingue, raccontandosi con ironia fra musica e parole con l’intervento di Pino Strabioli, sapiente voce narrante, a tenere il filo dei ricordi e degli eventi che hanno caratterizzato la lunghissima carriera della cantante. Così, via via si sono ripercorsi ricordi e aneddoti, con contributi video, alcuni dei quali inediti. Dai giochi nelle calli veneziane alla fuga a Londra a 15 anni, dalla mitica notte romana del Piper fino ai più recenti successi sanremesi, è stata proprio “la Divina” Patty Pravo ad accompagnare il pubblico tra i suoi successi e le sue sparizioni, dalle provocazioni all’incontro con Vasco Rossi e con gli altri autori della sua storia musicale (basti solo citare alcuni nomi come Riccardo Cocciante, Ivano Fossati, Leo Ferrè, Jacques Brel, per dire) fino al giro del mondo dei suoi incredibili successi discografici. In scaletta non sono mancati appunto i brani che hanno fatto la storia della musica italiana come La Bambola, Ragazzo triste, Il Paradiso, Pazza idea, ma anche quelli più ricercati e sperimentali, come Gli stranieri, Tutt’al più, Col tempo (Avec le temps), Non andare via interpretati con grande intensità e classe. Il finale, lasciato a ...e dimmi che non vuoi morire e Pensiero stupendo ha lasciato negli spettatori un sorriso di struggente bellezza che ha cancellato qualsiasi disagio o rimpianto. Non sarà stata la serata perfetta, ma grazie alla sensibilità dell’artista e al talento dei suoi musicisti, Pietro Posani e Agostino Raimo alle chitarre, Daniele Nieri al basso, Filippo Lambertucci alla batteria, Gabriele Bolognesi ai fiati e percussioni e Michele Lombardi al pianoforte, è risultata comunque un bellissimo appuntamento con uno spettacolo coinvolgente e di notevole qualità.

Il tour “Minaccia bionda “ (spettacolo a cura di Pino Strabioli e Simone Folco) è prodotto e organizzato da Vincenzo Berti & Gianluca Bonanno per Ventidieci.

 

Report e immagini amatoriali:  Valeria Bissacco

 

 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2023-06-11
  • Luogo: Teatro Romano di Verona
  • Artista: Patty Pravo

Altri articoli di Valeria Bissacco