ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Vibra Club, Modena

Bengala Fire

 

Rock and roll has died a long time ago – il rock and roll è morto tanto tempo fa – cantano i Bengala Fire in Valencia, singolo che nell'ultima edizione di XFactor li ha portati nella squadra del ‘giudice’ Manuel Agnelli.

Il rock è morto, sicuri? In un sabato sera di metà maggio, a Modena, diremmo tutt'altro. Il palco del Vibra Club ha tremato sotto l'energia vitale della musica di ben tre gruppi, tre formazioni rock la cui voglia di esibirsi era seconda solo alla voglia di divertirsi. L'apertura al live dei Bengala Fire è a firma modenese, con i Glamour prima e gli Sharasad poi, due gruppi parte della Revol Wave Orchestra*, un gruppo formatosi in città da artisti in cerca di un canale di espressione con la volontà di portare alla luce l'esistenza di un mondo vivo e fertile, una galassia di musicisti, artisti, e visionari che reclamano il proprio spazio in una piccola realtà come quella modenese. Proprio questo pubblico ha seguito fedelmente Glamour e Sharasad, saltando e cantando ad una voce con i propri amici sul palco, pronti ad accogliere il rock dei Bengala Fire, che si sono inseriti in questa atmosfera familiare di festa con la naturalezza che scaturisce dalla condivisione di una passione.

 

La giovane età, la voglia di suonare, la ricerca di un ritmo potente ed eccitante: il rock'n'roll è stato omaggiato autenticamente sabato sera, con il susseguirsi di cover famosissime e di pezzi inediti, in inglese e in italiano. Ogni pezzo è ampiamente introdotto, si susseguono così la già citata ValenciaAmaro MioTown Called MaliceJack (non sa)Del tempo che passa la felicità, e la frenesia dei quattro musicisti cresce con ogni canzone, un'esplosione di brit-rock alla quale il pubblico risponde con altrettanta foga. Qualche intoppo tecnico, invece che rovinare l'atmosfera, ha quasi agevolato ai Bengala Fire il contatto diretto con il pubblico, al punto che nemmeno un intrattenimento sfociato anche nel racconto di qualche barzelletta è servita per ridurre la risposta del pubblico ad ogni rullata, ad ogni assolo, ad ogni parola cantata, fino all’improvvisa discesa dal palco di cantante e chitarrista (anzi, diciamo pure che sono saltati giù…) e in un attimo erano circondati dai fan. Dal palco, il ritmo diventa sempre più incalzante fino a sfociare in un lungo assolo di batteria, uno sfoggio di variazioni di ritmo e velocità, fantasia di sequenze sostenute da un doppio pedale on fire. La location infine ha fatto magie, esaltando ancora di più la frenesia dei quattro musicisti con luci ed effetti coinvolgenti.
Mentre il tour dei quattro ragazzi veneti prosegue, la tappa modenese è stata un gran successo, un momento rock che non è più solo un ricordo ma un nuovo inizio.  

* Il collettivo Revol Wave Orchestra – una famiglia che lega oltre dieci band e più di 200 artisti – è fondato sul valore condiviso della musica come esperienza – appunto – collettiva. E questa edizione giallo blu di una nuova era dell'Acquario ha una forza sorprendente per la sua giovane età, capace di muovere un numero consistente di persone e animare così le serate in locali di Modena e provincia.

 

Share |

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Data: 2022-05-14
  • Luogo: Vibra Club, Modena
  • Artista: Bengala Fire

Altri articoli di Laura Saracino